Città di Agropoli

Il sito dell’ANCI, nella rubrica "Buone pratiche in Comune", pubblica un’intervista al sindaco Alfieri

«Abbiamo lavorato molto per migliorare la ricettività e per fornire servizi più efficienti possibili ai turisti, negli anni abbiamo modificato diversi aspetti relativi all’incoming e chi visita la nostra città si rende conto dei notevoli passi avanti che abbiamo fatto, d’altronde l’incremento del numero dei turisti è sotto gli occhi di tutti». Così parla Franco Alfieri, sindaco di Agropoli che, in un'intervista rilasciata ad Alessandro Malafronte pubblicata sul sito dell'ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) nella rubrica "Buone pratiche in Comune, commenta la stagione estiva, la quale vede crescere il numero dei visitatori in un momento di crisi come quello attuale.

«Turismo è tutto e nulla allo stesso tempo – commenta il primo cittadino – ho sempre pensato che si lavora sul turismo se migliori la ricettività e da diversi punti di vista: attrattive, trasporti, infrastrutture. E’ quello che la mia amministrazione ha fatto in questi anni. Agropoli è bandiera blu anche per l’anno 2012. Abbiamo un mare bellissimo che se unito ad altre attività ludiche permette di fornire nel periodo estivo una vacanza veramente interessante a chi decide di soggiornare in Cilento».

Ma le attività ricreative non si fermano al periodo estivo: «Abbiamo puntato molto a destagionalizzare il turismo – sottolinea Alfieri – e a cercare di allungarlo, Agropoli fino a qualche anno fa era piena nei mesi di luglio e agosto, un po’ carente nei restanti. La situazione ora è diversa, nel mese di settembre con il “Settembre culturale al Castello” i visitatori non mancano, lo stesso si può dire per dicembre, con le ‘luci d’artista’, che rendono la città spettacolare agli occhi dei visitatori». E proprio sul Castello, aperto al pubblico, Alfieri ricorda come «l’amministrazione abbia restituito ai cittadini agropolesi un patrimonio straordinario che arricchirà la cultura locale».

Tante idee e ricette dunque da realizzare per raggiungere un grande obiettivo, far conoscere le bellezze di Agropoli a quante più persone possibili: «Il Cilento presenta enormi potenzialità, probabilmente ancora non sfruttate a pieno, eppure il territorio è bellissimo, bisogna visitarlo per rendersene conto, noi abbiamo negli anni alimentato di molto le attività di promozione, e continueremo a farlo, sia in Italia che all’estero», sottolinea Alfieri.

Il sindaco evidenzia come «l’amministrazione abbia realizzato opere storiche in questi anni che hanno migliorato la qualità della vita degli agropolesi la quale ora si svolge in strutture sportive moderne e funzionali, in un ambiente urbano decoroso e pulito, in scuole riqualificate e meglio attrezzate e in nuovi spazi culturali piacevoli e stimolanti». Proprio sulle strutture sportive Alfieri ci tiene a sottolineare come «si sia molto puntato sullo sport che riteniamo sinergico e fondamentale per migliorare la qualità della vita». «Prima c’erano pochi impianti dove poter fare sport, ora è cambiato tutto», rimarca.

Non solo il Castello è tornato alla città, ma anche la Fornace, simbolo dell’identità storica di Agropoli che «insieme al Cineteatro permetterà alla città di poter contare su una maggiore vocazione attrattiva e creerà occupazione».

Tanti progetti portati avanti su cultura e turismo, ma non si è tralasciato l’ambiente. «In una città come questa non potevamo che insistere sulla raccolta differenziata che ha superato il 60% ed il servizio è stato ampliato a tutto il territorio comunale. Inoltre abbiamo provveduto a una complessiva sistemazione dei servizi primari in tutte le periferie e sono stati creati nuovi spazi all’aperto per le famiglie ed i bambini», conclude Alfieri.