Città di Agropoli

Cittadinanza onoraria a Vitaliano Esposito, procuratore generale Corte di Cassazione

Nel corso di una cerimonia commovente e sentita è stata conferita questa mattina, domenica 3 gennaio, la cittadinanza onoraria di Agropoli al procuratore generale della Corte Suprema di Cassazione, Vitaliano Esposito. Di origini partenopee, oggi uno dei massimi esponenti del mondo giuridico, Esposito è da sempre legato alla città agropolese di cui è stato il primo pretore e dove conserva un forte legame affettivo.

La cerimonia si è svolta nell'Aula consiliare “A. Di Filippo” del Comune di Agropoli, gremita in ogni ordine di posto. Presenti oltre al sindaco Franco Alfieri, consiglieri e assessori comunali e amministratori del passato, anche rappresentanti della magistratura salernitana, del mondo universitario e delle forze dell'ordine. Gli interventi per l'amministrazione del primo cittadino Alfieri e del presidente del Consiglio comunale Agostino Abate; testimonianze sulla vita professionale e sulla grande umanità di Esposito sono state portate dal prof. Domenico Chieffallo, dall'avv. Tommaso Apone, dal presidente di sezione della Corte di Appello di Salerno dott. Angelo Rossi, dall'avv. Dario Ingutti.

E' stato poi il sindaco Franco Alfieri a consegnare una pergamena riportante la motivazione ufficiale del conferimento della cittadinanza onoraria: “Con la sua lunga carriera di magistrato ha espresso, sapientemente, la missione dell'esercizio dell'attività giurisdizionale, onorando la civiltà giuridica e la nostra tradizione di cui Egli è alta espressione. Sulla scia dell'ispirazione parmenidea ha scelto il Cilento ed Agropoli come diletta dimora ove rifugiarsi “lontano dallo strepitio del foro”. Con la sua attività ed il suo amore per la nostra terra è diventato un protagonista, esempio fulgido, per la nostra città meritando di essere cittadino onorario di Agropoli e dell'intero Cilento”.

«Provo la stessa sensazione – ha commentato il procuratore Vitaliano Esposito – di 40 anni fa quando tornai ad Agropoli per una cerimonia e fui riconosciuto ed accolto con tanto affetto. Questa mattina è un momento commovente che dimostra che c'è un amore sentito e ricambiato con la città di Agropoli. Credo di avere nel dna qualcosa che mi lega indissolubilmente a questa terra se è vero che trascorro ad Agropoli tantissimo tempo e se parte della mia famiglia ha deciso di vivere qui».
In magistratura dal 1963, Vitaliano Esposito nella sua lunga carriera ha svolto funzioni di vicepretore a Napoli, di pretore ad Agropoli, di sostituto procuratore a Napoli, di magistrato di Tribunale applicato alla Procura generale della Cassazione. Dal ‘75 è stato magistrato di Tribunale applicato alla Corte di Cassazione e dall’81 magistrato d’Appello applicato alla medesima Corte. Inoltre, dall’88 è stato presidente del Tribunale dei minori di Campobasso e successivamente è stato ispettore generale capo presso il ministero della Giustizia e richiamato in ruolo è stato poi sostituto procuratore generale della Cassazione dal ‘92. Dal ‘97 al 2002 è stato destinato fuori ruolo come rappresentante italiano presso il Consiglio d’Europa con funzioni di co-agente del governo presso la Corte europea dei diritti dell’uomo. Infine dal 2002 ha svolto funzioni di avvocato generale presso la Suprema Corte.

n° 2 allegati disponibili: