Città di Agropoli

Presentate le controdeduzioni all’ispezione ministeriale

Presentate dal sindaco del Comune di Agropoli, Franco Alfieri, le controdeduzioni ai rilievi formulati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze a seguito dell’ispezione effettuata tra luglio e settembre dello scorso anno in merito al mancato rispetto del patto di stabilità 2009.

Punto su punto, grazie a relazioni puntuali di tutti gli uffici comunali sono state prodotte le controdeduzioni a quanto veniva contestato dall’ispettore ministeriale. L’elaborazione del documento, tra l’altro, è stata particolarmente laboriosa in quanto, in alcuni casi, è stato necessario ripercorrere l’attività amministrativa a partire dal 2000/2001, quando non era in carica il sindaco Alfieri.

«Abbiamo sostenuto – spiega Alfieri - la giusta interpretazione normativa e la piena legittimità alla base degli atti amministrativi oggetto dei rilievi. Le nostre controdeduzioni saranno ora oggetto del provvedimento definitivo da parte della Ragioneria Generale dello Stato».

«Purtroppo – sottolinea il primo cittadino agropolese - la relazione ispettiva, che ha riguardato soltanto atti di gestione e non quelli riferibili all’organo politico dell’ente, è stata strumentalizzata ed utilizzata dai soliti denigratori per organizzare una campagna diffamatoria contro l’amministrazione comunale e contro il personale tutto del Comune di Agropoli. L’ispettore, tra l’altro, ha evidenziato grande collaborazione e trasparenza da parte degli uffici comunali e ha dato atto che, in tutti gli anni oggetto di ispezione, il Comune ha sempre rispettato il dettato normativo circa il contenimento della spesa di personale».